Schiave

 

[HomeStoria del vino ] Pianta della vite ] Vinificazione in rosso ] Vinificazione in bianco ] Catalogazione dei vitigni ] Degustazione del vino ] Enografia nazionale ] Chimica del vino ] Glossario del vino ] Viaggi di Italyeno ] [Sommario]

SCHIAVE

Il nome Schiava deriva dal latino cum vineis sclavis utilizzato nel medioevo (XII secolo) nel territorio longobardo (Veneto e Lombardia del nord) per indicare le viti allevate a filare e quindi in qualche modo "costrette" nel loro sviluppo. Questa espressione si contrapponeva alla coltura classica nella zona delle viti selvatiche (labrusca), che erano lasciate libere di arrampicarsi sugli alberi, e che venivano anche denominate viti maggiori o altane.

grappolo-uva-vitigno-schiava-gentile

Schiava Gentile

grappolo-uva-vitigno-schiava-grossa

Schiava Grossa

Con lo stesso nome venivano indicati pi¨ vitigni che avevano in comune alcune caratteristiche: alta fertilitÓ, maturazione precoce, abbondante resa in mosto. Ne risultavano uve dai grappoli pesanti e precoci che richiedevano l'aiuto di un sostegno per non spezzare i rami (tralci) non ancora strutturati.

Nello stesso periodo compaiono citazioni di una varietÓ di uva Schlaft (dal tardo-latino sclavenus corrispondente al latino vernaculus = del posto) nel Trentino, da cui derivano rispettivamente i nomi Schiava e Vernatsch con cui viene oggi designata quest'uva in quella regione.

uva-vitigno-schiava-gentile-e-grossaIn passato le varietÓ di Schiava pi¨ apprezzate erano quelle a bacca bianca, ma nel diciannovesimo secolo si Ŕ diffusa maggiormente la varietÓ a bacca rossa, in particolare una varietÓ a grappolo grande detta Magellana e una a grappolo piccolo detta Gentile.

Oggi esistono soltanto 4 varietÓ di Schiava iscritte al Registro Nazionale delle varietÓ di vite, tutte a bacca rossa.

In accordo con le origini storiche, le analisi chimiche effettuate sulle varietÓ oggi coltivate permettono di raggruppare le Schiave in due famiglie con origini geografiche diverse: una famiglia comprende la zona padana della Lombardia e del Veneto un'altra famiglia Ŕ invece costituita dalle varietÓ coltivate nel Trentino Alto Adige.

Tutte le varietÓ hanno in comune la caratteristica di produrre vini dal sapore gradevole e gentile, con poco colore e poca forza, che esprimono il meglio di sÚ mescolati con altri vitigni, conferendo loro finezza.

Vitigno

Vino DOC che lo contiene

Province in cui la varietÓ Ŕ raccomandata (R) o autorizzata (A)

Schiava

R: Como, Lecco;

Schiava gentile

vino-schiava-gentile

Lago di Caldaro o Caldaro, Casteller, Valdadige, Alto Adige, Trentino, Botticino, Cellatica

R: Bolzano, Brescia, Massa Carrara, Trento Verona;

Schiava grigia

vino-schiava-grigia

Lago di Caldaro o Caldaro, Valdadige, Alto Adige, Trentino, Botticino, Cellatica

R: Bolzano, Brescia, Trento, Verona;

Schiava grossa

vino-schiava-grossa

Lago di Caldaro o Caldaro, Casteller, Valdadige, Alto Adige, Trentino

R: Bergamo, Bolzano, Trento, Verona;

A: Brescia

Precedente ] Home ] Successiva ]

Copyright 2000 - 2016 italyeno.com

Per qualsiasi domanda o richiesta potete inviare un messaggio a postmaster@italyeno.com

 Logo-Italyeno